Cerca
Close this search box.
“TINTARELLA” DI MODA. I COLORI SONO I NUOVI LOGHI?

Date

Rosso Valentino, Pink PP, Verde Bottega Veneta. Questi colori hanno influenzato intere collezioni e codici stilistici, arrivando a diventare veri e propri simboli delle maison, al pari dei loghi. E il trend sembra non avere fine.

Facciamo qualche esempio. Sono molteplici i brand che hanno fatto del colore la propria firma. Primo fra tutti, Valentino. La sua scala di colori nasce con il Rosso Valentino. Lo stilista Valentino Garavani si trova a Barcellona, ancora studente, e nota una signora all’Opera di Barcellona che indossa un rosso soave, intenso, affascinante. Questa immagine riemerge nella sua mente quando dà vita al suo primo atelier e decide che la donna ‘Valentino’ sarà vestita di rosso, diventando simbolo della casa di moda romana, per molteplici anni, per non dire decenni. 

Photo: Valentino Garavani

A prendere le redini del concept ci pensa Pierpaolo Piccioli, attuale direttore creativo della maison. L’heritage di Valentino si sposa con nuovi colori, pensate al Valentino Pink PP. Per la collezione autunno/inverno 2022 Piccioli riveste ogni dettaglio con l’hot pink, creando una sfumatura in collaborazione con Pantone, che arriva ad invadere ogni accessorio. E non solo. Per la recente sfilata parigina autunno inverno 2024-25 dedicata all’uomo, Pierpaolo Piccioli ha usato il colore maschile per eccellenza, il blu, che si è rivelato protagonista dello show. “Per combattere i preconcetti devi partire dall’interno – afferma Piccioli, riportato da Milano Finanza – da come si considerano gli abiti. Sono partito dal ‘blu cielo’, una tinta storicamente legata all’uomo ma con pregiudizi. E ho lavorato per toglierli”. Il messaggio è romantico, sfida le convenzioni e porta in scena la (non) mascolinità. 

Photo: Valentino “Le Ciel” FW24 menswear

Gucci si tinge di ‘Rosso Ancora’. Con l’arrivo del direttore creativo Sabato De Sarno da Gucci, la maison fiorentina sembra avere scelto un colore associato al concept “Gucci Ancora”. Nelle due collezioni donna e uomo, presentate rispettivamente a settembre scorso e qualche settimana fa, Gucci ha portato in passerella accessori, dettagli e interi abiti tinti con il Rosso Ancora. L’elemento cromatico ha superato i confini della passerella, approdando su cartelloni pubblicitari e tram, rivestendo monumenti in diverse città del mondo. Il ‘red cherry’ di Gucci diventa un simbolo del marchio. 

Photo: Vogue Italia cover febbraio 2024

“Un colore senza tempo radicato da sempre nel Dna del brand”, così Dolce e Gabbana definisce il ‘nero’ sul proprio sito web ufficiale. “Il nero, colore iconico e senza tempo, possiede la capacità unica di elevare qualsiasi abito con la sua profondità e il suo fascino e va oltre il semplice colore: rappresenta fiducia ed energia”. Dalla prima collezione, SS’86 “Geometrissimo”, alla più recente sfilata Donna AI 23-24 con la Collezione Dna, il nero è stato un elemento costante e significativo nel percorso della moda di Domenico Dolce e Stefano Gabbana. Tanto da farne un libro! I due stilisti hanno raccolto in “Nero: il colore di Dolce&Gabbana”, le opere dei principali fotografi con cui hanno collaborato, come Helmut Newton e Juergen Teller.

Photo: Dolce&Gabbana SS24

Se parliamo di Hermès, quale colore vi viene in mente? E perché proprio l’arancione? La scelta di questo tonalità simbolo distintivo della maison francese, al pari delle sue borse iconiche, nasce intorno agli anni ’50. Le scatole beige e marrone che utilizzava il marchio erano quasi introvabili dopo la seconda guerra mondiale e questo portò Èmile Hermès a reperire cartoni in arancione acceso, diventando in realtà da quel momento un vero e proprio riconoscimento in tutto il mondo.

Photo: Locandina Hermès

Daniel Lee ha portato nel 2019 in Bottega Veneta il ‘verde parakeet’ o ‘verde grass’, che ha rivestito borse e accessori, arrivando a tingere anche i packaging del marchio. La sua passione per l’uso dei colori non si è fermata qui. Approdando da Burberry ha scelto il blu per coronare il suo nuovo percorso alla direzione creativa. 

Photo: Bottega Veneta

Insomma, è proprio il momento di dire ‘tintarella’ di moda. Quale sarà il prossimo colore scelto dalle maison? 

 

di Giorgia Dallasio
06 febbraio 2024

altri
articoli