fbpx

LINGERIE DIARIES: COME CURARE LA LINGERIE DI SETA | BY @THECASHMEREDIARIES

Ciao ragazze e bentornate al nostro appuntamento settimanale con il mondo della lingerie. Oggi voglio parlarvi di un argomento davvero speciale: la lingerie di seta e in particolare, come prendervene cura.

Se possedete qualche capo in questo materiale, saprete che niente è paragonabile all’esperienza di indossare la seta. Questa bellissima, morbida e lucente fibra è stata a lungo associata al lusso, ed è traspirante, rinfrescante e termo-isolante.

Tuttavia, è anche un tessuto delicato che richiede alcune cure per rimanere bello e durare nel tempo: ci sono infatti delle considerazioni in più da fare per assicurarsi che questa bellissima fibra possa venire indossata il più a lungo possibile. Vediamole!

LAVAGGIO A SECCO
Anche se molte etichette dei capi di seta riportano la dicitura “lavare solo a secco”, è possibile anche lavare la lingerie di seta a casa! Se non ci sono macchie o segni, il lavaggio a mano è sempre la soluzione migliore. Ci sono però due grandi eccezioni a questa regola.

La prima riguarda i corsetti, che non dovrebbero mai essere immersi in acqua a meno che non sia espressamente consigliato in etichetta. La seconda è per gli indumenti con due tonalità di seta molto diverse (per esempio, una vestaglia nera con rifiniture di seta bianca) perché il colore potrebbe stingere.

I corsetti di seta richiedono invece una pulizia specializzata, poiché non possono essere immersi nell’acqua e sono spesso troppo delicati per sopportare il programma centrifuga. Assicurati anche che la lavanderia a secco abbia gli strumenti e le conoscenze adeguate per pulire il tuo corsetto senza danneggiarlo.

Se invece il danno è fatto e la tua lingerie di seta si è macchiata, di solito la cosa migliore è portare il capo in una lavanderia a secco non appena scopri il fattaccio. Di solito, più la macchia rimane sul capo, più è difficile lavarla e ottenere un buon risultato.

LAVAGGIO IN LAVATRICE
In generale è sconsigliabile lavare la seta in lavatrice, soprattutto se la vostra lingerie è particolarmente preziosa o delicata. Se il lavaggio a mano non è davvero un’opzione, meglio assicurarsi quantomeno di separare i capi per colore e di metterli in un sacchetto per il bucato. Usate anche un detersivo formulato specificamente per la seta e scegliete anche un programma della lavatrice il più delicato possibile. Basse temperature e niente centrifuga. Inoltre, fondamentale, separate bene i colori; la seta è una fibra naturale e c’è un alto rischio che i colori stingano, in particolare con le tonalità più scure e con il rosso.

LAVAGGIO A MANO
Se decidete di lavare la lingerie di seta a mano, riempite una bacinella con acqua fredda e aggiungere il detersivo. Aggiungete la vostra biancheria intima, muovendo delicatamente l’acqua per creare la schiuma.

Fate attenzione a non strofinare con troppa forza, perché questo può sforzare e danneggiare le fibre. Se avete un capo particolarmente delicato da lavare, meglio lasciarlo in ammollo. Qualsiasi sporco o residuo che è rimasto sul capo dopo l’ammollo, potete strofinarlo delicatamente con uno spazzolino da denti a setole molto morbide. Risciacquate i capi fino a quando l’acqua non sarà priva di schiuma.

ASCIUGATURA
Asciugare la lingerie di seta è uno step molto delicato, quasi quanto lavarla. Vietato strizzare la seta: questo può causare danni permanenti alla trama del tessuto. Se un capo è molto bagnato, potete tamponare delicatamente il capo tra due asciugamani per rimuovere l’umidità in eccesso.
Idealmente i capi vanno lasciati asciugare in piano, idealmente su un asciugamano. fate attenzione a rimodellare delicatamente i capi prima di asciugarli, specialmente se sono pezzi strutturati come i reggiseni imbottiti.

COME PIEGARE I CAPI E CONSERVARLI
La lingerie di seta dovrebbe essere conservata in spazi dedicati, per evitare danni. Per i pezzi più grandi di loungewear, le grucce imbottite possono aiutare a prevenire che la seta si sgualcisca sulle spalle. I pezzi più piccoli, come i reggiseni e le mutandine, possono essere tenuti in scatole o cassetti. Evitate di piegare o schiacciare i reggiseni imbottiti per evitare che le coppe si deformino.

Bene mes filles, eccoci alla fine di questo articolo. Spero di aver chiarito tutti i passaggi su come lavare e conservare a lungo la lingerie di seta.

Questo sarà il nostro ultimo appuntamento con Lingerie Diaries, ma niente paura.  La rubrica cambierà, lasciando il posto a nuovi argomenti e tematiche che ci stanno molto a cuore!
Ma voi continuate a collezionare i vostri capi di lingerie e sentirci bellissime e sicure di voi; au revoir!

Read more




test